Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

5 soldi

NumismaticaStati italianiRivoluzione Francese e occupazioni francesi e NapoleonicheNapoleone I - Regno d'Italia
<< 10 centesimi   10 soldi >>

5 soldi (Moneta)
clicca sulle immagini per ingrandirle
DrittoVerso
NAPOLEONE IMPERATORE E RE testa nuda a destra. In basso, nel giro,data tra il segno di zecca e lume ad olio.1  REGNO D'ITALIA, nel campo corona ferrea radiata (simbolo del Sacro Romano Impero) / 5.SOLDI / lettera identificativa di zecca
Moneta da 5 soldi ovvero 25 centesimi.

Segno di Zecca per Bologna: B e ramoscello di quercia

Segno di Zecca per Milano: M e melagrana

Segno di Zecca per Venezia: V e un'ancora.

Contorno: Stellette in incuso
Nominale: 5 Soldi
Materiale: Ag 900
Diametro: 15 mm
Peso: 1,25 g
Assi: alla francese
Anni Cod. Zecca Rarità Tiratura Immagini
18082  W-NAP/4-2 MilanoR134 923
1809 W-NAP/4-3 MilanoR602 134
1810 W-NAP/4-5 MilanoC1 047 085
1811 W-NAP/4-6 MilanoC2 984 099
18123  W-NAP/4-14 BolognaNC
18123  W-NAP/4-7 MilanoC1 719 019
18123  W-NAP/4-8 VeneziaR2
1813 W-NAP/4-9 BolognaC311 016
1813 W-NAP/4-10MilanoC2 842 808
18144  W-NAP/4-12 MilanoC740 502
1814 a5  W-NAP/4-13 MilanoR2
Totale:10 381 586 
1 La lampada ad olio è il simbolo adottato da Luigi Manfredi incisore e direttore di zecca a Milano, dove venivano approntati tutti i conii della monetazione del Regno d'Italia.
2 Il CNI segnala le stellette in rilievo per questo millesimo ma tale variante non è mai apparsa. Nella Collezione Reale le stellette sono in incuso (sebbene lo stesso CNI ometta l'esistenza di stellette in incuso per questo millesimo) e altri libri che fanno riferimento a stellette in rilievo riportano semplicemente il CNI.
3 Il Carboneri a proposito dei 5 soldi coniati nel 1812 a p. 849 afferma quanto segue: Delle monete da cent. 25 per l'ammontare complessivo di L. 466.418, L. 429.754,75 sono state coniate a Milano (pari a 1.719.019 esemplari) e le rimanenti a Bologna e Venezia con l'effigie di Napoleone, come sopra. Pertanto solo 146.653 pezzi sarebbero stati coniati dalle zecche di Bologna e di Venezia.

Il dato si riferisce presumibilmente a pezzi coniati nella stragrande maggioranza nella zecca di Bologna, dovendosi ritenere che i pezzi coniati a Venezia siano un numero assai esiguo, al massimo quantificabile in pochissime migliaia.

La testimonianza in questione fa giustizia del dato relativo ai pezzi coniati indicato nei prezziari per Bologna e per Venezia, dato che non trova alcuna corrispondenza nella attuale reperibilità sul mercato di dette monete.

4 Il Carboneri a p.851 afferma che nel 1814 vennero coniati a Milano monete da 25 centesimi per un ammontare pari a L. 185.125,50, corrispondente a 740.502 pezzi. Non si può escludere che, come per gli altri nominali, la coniazione sia continuata negli anni successivi, ma manca una documentazione certa in questo senso.
5 IMPERARORE anziché IMPERATORE.

Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto michebuona, martedì 18 settembre 2018 alle ore 17:51
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Pagina generata in 0.087 secondi, numero di query al DB: 84 (61.896086 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it