Warning: only part of the site is available in the selected languageen
User: ricordami
Password:
Register Rules Instructions
  advanced search

prima Repubblica Romana

Roma

<< Perugia Ronciglione >>
asta Negrini - Collez. Mantegazza - lotto n.1032

asta Negrini - Collez. Mantegazza - lotto n.1032

Nella campagna d'Italia del 1796-97 Napoleone riuscí a conquistare parte del Nord Italia ed alcune città dello Stato Pontificio. Il 27 dicembre 1797, durante una manifestazione a Roma, rimase ucciso il generale francese Duphot, ospite dell'ambasciatore di Francia nella capitale. Il Direttorio non si lasciò sfuggire il pretesto per ordinare al generale Berthier, comandante in capo delle truppe francesi di stanza in Ancona, di marciare su Roma che venne occupata l'11 febbraio. Quattro giorni dopo, il 15 febbraio 1798 il generale Berthier proclamò sul Campidoglio la nascita della Repubblica Romana. Il papa Pio VI venne esiliato in Francia dove morirà l'anno successivo. Nell'autunno del 1798, approfittando delle difficoltà di Napoleone bloccato in Egitto, l'esercito napoletano di Ferdinando IV conquistò Roma il 26 novembre. Ma il 10 dicembre il contrattacco dei francesi spazzò via le truppe napoletane inseguite fino a Napoli. Nella primavera del 1799 una nuova coalizione austro-turco-russa ebbe la meglio sull'esercito francese: una dopo l'altra caddero le varie repubbliche giacobine formatesi nel nord Italia, mentre da sud l'esercito borbonico, guidato dal cardinale Ruffo, fece definitivamente cadere la Repubblica Romana entrando a Roma il 29 settembre. Durante le prime settimane di occupazione, nella zecca di Roma vennero coniate monete d'oro e d'argento con impronte pontificie: doppie, scudi e mezzi scudi. L'utilità di emettere monete con i simboli del passato governo era motivato dalla necessità di disporre di monete già ben conosciute e di facile diffusione e quindi maggiormente apprezzate rispetto a nuove monete con impronte repubblicane. E' praticamente impossibile identificare e distinguere queste emissioni da quelle battute sotto il governo pontificio.

Per fronteggiare la penuria di circolante minuto causato dalla mancanza di metallo da monetare (l'oro e l'argento era requisito dai francesi) venne dato incarico al fonditore Picconi di studiare e realizzare una nuova lega composta di rame e metallo delle campane. Le battiture di prova della nuova monetazione furono eseguite utilizzando i conii preparati appositamente dall'incisore Mercandetti, con una lega composta da un 75% di rame e da un 25% di metallo di campane. A seguito, però, di emissioni abusive effettuate dal Picconi, le Autorità furono costrette a commissionare al Mercandetti dei conii con impronte diverse: le nuove monete sono i tipi da 2 baiocchi, da 1 baiocco e da mezzo baiocco in rame e uno scudo in argento. Anche dopo la fine della Repubblica Romana, l'officina monetaria continuò ad operare coniando monete d'oro e d'argento (doppie e scudi) e monete di rame: le madonnine (che in quel periodo erano valutate tre baiocchi). Quasi tutte le madonnine presentano tracce di conii repubblicani che confermerebbero una riconiazione su monete da due baiocchi. Sono state battute con ogni probabilità nel periodo compreso tra la fine della Repubblica Romana e la restaurazione.

Il Bruni attribuisce alla zecca di Roma le monete da 2 baiocchi e il pezzo da 1 baiocco con il segno "R"; il Muntoni, invece, le aveva assegnate alla zecca di Ronciglione. A seguito di un aggiornamento al Corpus della monetazione della Prima Repubblica Romana il Bruni riporta, per la prima volta, un inedito scudo con data 1799.


Index

NumismaticaStati italianiRivoluzione Francese e occupazioni francesi e Napoleoniche1° Repubblica RomanaRoma

Categories

58 monete per 17 tipi: glance, summary, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

For Coins

55 monete per 14 tipi: glance, summary, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Mints

Roma

Years

1700
17981799

References

  1. AA.VV., Corpus Nummorum Italicorum (CNI) Vol. XIII Marche, 1932
  2. BRUNI R., Aggiornamento dell'opera "Le monete della Repubblica Romana e dei Governi Provvisori", Panorama Numismatico n. 330 - luglio-agosto 2017
  3. BRUNI R., Le monete della Repubblica Romana e dei Governi Provvisori, Nomisma 2005
  4. BRUNI R., BERTUZZI S., CATALLI F., In nome del Popolo Sovrano. Cartamoneta e moneta metallica nella prima Repubblica Romana (1798-1799), Accademia Italiana di Studi Numismatici 2007
  5. LUPPINO D., Prove e Progetti IX - Vento Napoleonico (1796 - 1815), Montenegro 2016
  6. MUNTONI F., Le Monete dei Papi e degli Stati Pontifici, Roma 1972-1974
  7. PAGANI A., Monete Italiane dell'invasione napoleonica ai giorni nostri, Edizioni Ratto

Last modified: Wednesday 26 November at 00:18, legionario
Powered by NumisWeb 7.7.1    Online users in all catalogs:
Ultimo utente iscritto cirodeange, Sunday 15 December at 16:52
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Links ->auctionsniper ->cartamonetaitaliana.it ->PayPal ->Rolls Razor

This page was generated in 1.725 seconds, number of DB queries: 26 (1701.282978 ms)
Page from https://numismatica-italiana.lamoneta.it