Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

Ferdinando II

<< Francesco I Francesco II >>
Ferdinando II

Ferdinando II
Ferdinando II di Borbone (Palermo, 12 gennaio 1810 - Caserta, 22 maggio 1859) salí al trono nel novembre 1830 all'età di 20 anni, ereditando un regno di circa 8.000.000 di sudditi. Con una situazione finanziaria non delle migliori si dimostrò subito capace, al pari del nonno Ferdinando I, di farsi amare dal popolo. Durante i suoi primi anni di regno videro la luce numerose riforme che avevano lo scopo di riorganizzare il paese ed il suo apparato militare, ridurre il debito pubblico e pacificare le parti sociali ancora in tumulto dopo il periodo napoleonico. La politica di serio impegno, restituí vigore alle strutture economiche della nazione fino al raggiungimento di importanti riconoscimenti internazionali nel campo delle arti e della tecnica. Risanato il mondo industriale ed artigianale, non solo rese il Regno autonomo dal mercato straniero, ma concorse in modo determinante al suo sviluppo commerciale attraverso l'esportazione di manufatti assai apprezzati dalla committenza straniera.

In politica estera, cercò di sottrarre lo Stato dalle mire delle potenze imperialiste impegnate a conquistare il controllo economico del Mediterraneo. A tal fine utilizzò gli strumenti del protezionismo e dell'autarchia per limitare soprattutto le ingerenze inglesi negli affari interni del Regno, cosí come avvenne in occasione del contenzioso anglo-napoletano sulla produzione dello zolfo in Sicilia. Lo scontro ideologico fu la causa della rottura diplomatica con i britannici che avviarono con ogni mezzo una politica destabilizzante nei confronti del Regno delle Due Sicilie culminato nel 1860 con l'appoggio diplomatico e materiale alla spedizione dei Mille fino alla futura annessione di Napoli al Piemonte.

Gli anni fra il 1847 ed il 1849 furono fra i piú difficili a causa del crescente isolamento internazionale aggravato dai continui sussulti carbonari che interessavano le monarchie di tutta Europa. Risolta la questione del '48, ivi compresa l'assoluta necessità di mantenere la Sicilia nell'ambito dello stato unitario delle Due Sicilie, Ferdinando si impegnava fortemente a ricostruire il Regno soprattutto nel miglioramento delle infrastrutture nei domini "al di là del Faro": per il reperimento di questi capitali si cercò di economizzare senza aggiungere nuove imposte sui consumi popolari. Il Re diede il buon esempio riducendo il suo appannaggio, circostanza non comune nella storia dei governi europei in regime assoluto o costituzionale.

Dal 1853 alla fine del Regno furono anni di benessere anche se assicurati da una forte presenza della polizia attenta a controllare possibili rigurgiti liberali che furono comunque causa di diversi attentati tra i quali un tentativo di regicidio nel 1856 e l'esplosione nel 1857 della pirofregata Carlo III nel porto militare di Napoli.

Dopo circa trent'anni vissuti con enorme dispendio di energie fisiche e nervose, Ferdinando appariva appesantito e logoro nello spirito. Seppur sconsigliato dai medici, nel gennaio 1859 volle comunque intraprendere un viaggio per fare la conoscenza di sua nuora Maria Sofia di Baviera, sposa del principe Francesco, salpata da Trieste alla volta di Bari. Durante il viaggio di ritorno le condizioni del sovrano si aggravarono ulteriormente; riportato in tutta fretta alla reggia di Caserta, Ferdinando sarebbe morto dopo quattro mesi di tremenda agonia causata forse da una piomiosite inguinale di misteriosa origine.

Ferdinando II rappresenta l'ultimo esponente di quell'assolutismo illuminato che caratterizzò il '700 europeo e napoletano.


Indice

NumismaticaStati italianiStati preunitariRegno delle due SicilieFerdinando II

Categorie

328 monete per 21 tipi: colpo d'occhio, riepilogo, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Per Moneta

322 monete per 16 tipi: colpo d'occhio, riepilogo, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Per Zecca

Napoli Palermo

Riferimenti

  1. BOVI GIOVANNI, Studi di Numismatica (1934-1984) del dottor Giovanni Bovi, Luisa Mastroianni Bovi 1989
  2. GIGANTE FABIO, Monete Italiane dal '700 ai giorni nostri, fil-art, Edizioni Numismatiche
  3. MAUCIERI DANILO, Leggi e Decreti Monetari del Regno delle Due Sicilie (8 dicembre 1816 - 6 settembre 1860), Associazione Culturale Italia Numismatica
  4. PAGANI A., Monete Italiane dell'invasione napoleonica ai giorni nostri, Edizioni Ratto
  5. PANNUTI M. E RICCIO V., Le monete di Napoli, Nummorum Auctiones S.A., Lugano 1984

Ultima modifica: martedì 7 luglio 2015 alle ore 20:56, mper
Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto PAPUSKA, lunedì 23 ottobre 2017 alle ore 15:36
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Collegamenti ->auctionsniper ->cartamonetaitaliana.it ->PayPal ->Rolls Razor

Pagina generata in 1.060 secondi, numero di query al DB: 24 (1043.771505 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it