Warning: only part of the site is available in the selected languageen
User: ricordami
Password:
Register Rules Instructions
  advanced search

Grosso Primitivo

NumismaticaZecche ItalianeToscanaArezzoMonetazione Autonoma
  Denaro >>

Comments
Grosso Primitivo (Moneta)
click on images to enlarge
ObverseReverse
✠ • DEARITIO •

Nel campo croce patente entro cerchio liscato con cuneo nel 2° quadrante

✠ • S • DONATVS •

Nel campo il Santo nimbato, barbuto, mitrato in paramenti, stante a mezzo busto, benedicente con la destra, mentre tiene un pastorale nella sinistra

Testimoniato a partire dal 1246, fu probabilmente battuto già dagli anni Trenta dello stesso secolo.1 
Material: Ag
Diameter: 24 mm indicativo
Weight: 1.6 g
Years Cod Mint Notes References Rarity Images
metà XIII - XIV2  W-AR3/1-6ArezzoGRUPPO ANassar 2017, gruppo A p.25 - Vanni 1997, 68NC
metà XIII - XIV3  W-AR3/1-1ArezzoGRUPPO BNassar 2017, gruppo BNC 
metà XIII - XIV4  W-AR3/1-2ArezzoGRUPPO CNassar 2017, gruppo CNC
metà XIII - XIV4  W-AR3/1-3ArezzoGRUPPO DNassar 2017, gruppo DNC 
metà XIII - XIV5  W-AR3/1-4ArezzoGRUPPO ENassar 2017, gruppo ENC 
metà XIII - XIV6  W-AR3/1-5 ArezzoGRUPPO FNassar 2017, gruppo FNC
1 Vedi NASSAR M. 2017, p.14.
2 Stile estremamente semplice del Santo, interamente lavorato a bulino con pochi tratti estremamente sintetizzati. Epigrafia elementare, realizzata tramite pochi e semplici punzoni.
3 stile piú avanzato rispetto al gruppo A, con S. Donato molto piú particolareggiato e decisamente definito. epigraficamente rilevante è la trasformazione della R, che si regolarizza rispetto al precedente. Le lettere sono realizzate con maggior precisione grazie all’avvento di nuovi punzoni di fattura migliore
4 Si adottano nuovi punzoni, che determinano definitivamente una regolarizzazione delle leggende, notevole, in particolare, nella R, ma visibile anche nel resto delle lettere, dove si nota anche un utilizzo massiccio del bulino
5 c. precedente ma con 4 punti attorno alla croce
6 Compare la S apostrofata per l’abbreviazione. Il pallio è caratterizzato dalla ano-mala presenza delle crocette, mentre il volto del soggetto è particolarmente curato nella fisionomia, perdendo il bizantinismo tipico delle scorse emissioni. Migliore lavorazione dei cerchi concentrici che dividono le immagini dalla leggenda e dalla rappresentazione di S. Donato, piccole innovazioni epigrafiche
Stile estremamente semplice del Santo, interamente lavorato a bulino con pochi tratti estremamente sintetizzati. Epigrafia elementare, realizzata tramite pochi e semplici punzoni.

Specific references

  1. NASSAR MAGDI A. M., "Le monete del Comune e dei Vescovi di Arezzo", in Annali Aretini XXIV (2016), Fraternita dei Laici di Arezzo, 2017
  2. VANNI F.M., Arezzo, San Donato e le monete. Le monete della zecca aretina nel Museo Statale di Arte Medievale e Moderna di Arezzo, Edizioni della Soprintendenza per i Beni A.A.A.S., 1997

  Denaro >>
Powered by NumisWeb 7.7.1    Online users in all catalogs:
Ultimo utente iscritto kukina, Thursday 22 August at 17:22
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

This page was generated in 0.071 seconds, number of DB queries: 53 (47.664165 ms)
Page from https://numismatica-italiana.lamoneta.it