Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

15 soldi

NumismaticaStati italianiRivoluzione Francese e occupazioni francesi e NapoleonicheNapoleone I - Regno d'Italia
<< 10 soldi   1 lira >>

commenti
15 soldi (Moneta)
clicca sulle immagini per ingrandirle
DrittoVerso
NAPOLEONE IMPERATORE E RE testa nuda a destra. In basso, nel giro, (melagrana) data (lume ad olio)1  REGNO D'ITALIA, nel campo corona ferrea radiata (simbolo del Sacro Romano Impero) / 15.SOLDI / M
Moneta da 15 soldi ovvero 75 centesimi.

Il Carboneri cita anche il 15 Soldi 1810, ad oggi i pochi esemplari comparsi sono tutti contraffatti nella data. L'anno 1809 è difficilmente reperibile in conservazione superiore al BB.

Contorno: Stellette in incuso.
Nominale: 15 Soldi
Materiale: Ag 950
Diametro: 21 mm
Peso: 3,75 g
Assi: alla francese
Anni Cod. Zecca Rarità Tiratura Immagini
18082  W-NAP/6-0 MilanoNC37 771
1809 W-NAP/6-1 MilanoR314 857
18143 4  W-NAP/6-2 MilanoR2371
Totale:52 999 
1 La lampada ad olio è il simbolo adottato da Luigi Manfredi incisore e direttore di zecca a Milano, dove venivano approntati tutti i conii della monetazione del Regno d'Italia.
2 Può essere presente o meno un • al di sotto del 1808.
3 La tiratura indicata si riferisce all'anno 1814, sebbene non vi siano dati certi, di fatto la coniazione di questo millesimo perdurò fino al 1821.
4 Da un intervento di picchio sul forum lamoneta.it: Gigante riporta come coniati in zecca di Milano 371 esemplari come da trascrizione del Carboneri che a pagina 852 della ben nota opera La Circolazione Monetaria nei Diversi Stati Dalla Rivoluziuone Francese ai Giorni Nostri, attribuisce un importo di 278,25 centesimi di lira che diviso 0,75 centesimi, cioè 15 soldi dà un totale di 371 pezzi appunto. Carlo Crippa nella sua nota al rif. 33/D 15 soldi 1814 che classifica come Raro mentre il 1809 risulta essere R3 aggiunge: Nonostante il quantitativo assai contenuto degli esemplari emessi il 15 soldi 1814 è ancora oggi moneta di facile reperimento. Ciò potrebbe esssere ipotizzato che anche il 15 soldi con la data 1814 al pari di altri tipi di monete, sia stato battuto negli anni successivi alla caduta di Napoleone, sebbene non abbia reperito nei documenti indicazioni su tali eventuali emissoni postume.

Teoria che condivido a pieno data la frequenza che questa moneta ha sia nelle aste, sia come presenza fisica nei convegni e generalmente in buono stato di conservazione, cosa che assolutamente non può dirsi per il 1809, una delle monete piú rare delle emissioni napoleoniche regolari a Milano. Il Carboneri poi da per coniato a Milano anche il 15 Soldi 1810, ad oggi i pochi esempalri comparsi sono tutti contraffatti nella data.

Come lungamente discusso con Carlo Crippa ai tempi, si presume, che una discreta quantità di 15 soldi sia stata coniata tra il 1815 ed il 1819 o 1821 essendo la zecca di Milano attiva con il sistema decimale già in auge da una 15 di anni, mentre è noto che Francesco I per il Lombardo Veneto coniava sul piede del Tallero di Convenzione da 28,06 grammi al titolo di 833/000.

Parlano di questa moneta sul forum in: 15 Soldi 1808 Mi Quanto contano i graffi dovuti al conio sulla moneta?.

Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto michebuona, martedì 18 settembre 2018 alle ore 17:51
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Pagina generata in 0.046 secondi, numero di query al DB: 56 (26.288748 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it