Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

Savona

<< Luni
Savona nel 1500

Savona nel 1500

Il 10 Aprile 1191 Savona si costituisce libero comune riscattando dall'aleramico Marchese Oddone Del Carretto ogni diritto e la città comincia ad espandersi ai piedi della rocca del Priamar; autonomia sancita anche formalmente con diploma dell'imperatore Enrico VI del 18 Novembre 1191.
Il tessuto urbano medievale era costituito da case costruite a schiera a delimitare i vicoli che sfociavano per lo piú sul porto che era il fulcro della vita economica.
Nelle zone limitrofe al porto, tra il milletrecento ed il millecinquecento, sorgeranno i palazzi dei nobili tra i quali spicca il palazzo dei Della Rovere, splendida opera rinascimentale di Giuliano Sangallo voluta dal Cardinale Giuliano Della Rovere, il futuro papa Giulio II; numerose saranno anche le caratteristiche case-torri medievali.
Le zone dedite alla trasformazione ed al commercio delle merci sono sparse per tutta la città.
Savona in questo periodo è cosí potente da poter rivaleggiare anche militarmente con Genova ed i suoi alleati, salvo poi capitolare dopo oltre tre secoli di alterne fortune: alla crescita economica dei secoli XII e XIII subentra un periodo di stasi che dura fino quasi alla metà del XV secolo, inoltre dalla metà del XIV secolo ai primi decenni del 1500 si succedono a Savona le dominazioni di principati esterni (come quella dei Visconti) che si alternano ripetutamente a periodi di governo genovese ed a brevi periodi di indipendenza (dal 1512 al 1513 e dal 1525 al 1527).
Il periodo di prosperità piú evidente è nel ventennio 1420-1440 dove le navi di armatori savonesi (con dimensioni tra le maggiori dell'epoca) viaggiano sulle principale rotte mediterranee e spagnole ed oltre Gibilterra verso i porti inglesi e del nord europa. Nel 1464, il milanese capitano Donato del Conte dichiara "non aver mai visto cosí magnifica cossa quanto Saona, [...] cità benissimo posta cum bono porto, [...] tanto abondante de merchantie quanto non sia Venezia, Genova, nè alchuna altra terra de mare".
Nella seconda metà del 1400 si delinea un nuovo stimolo economico e politico della città, favorito da diversi fattori, tra i quali l´appoggio di due "concittadini" eletti al trono pontificio: Francesco Della Rovere (Sisto IV), papa dal 1471 al 1484 (volle una Cappella Sistina a Savona per onorare i genitori e quella grandiosa a Roma, affrescata poi da Michelangelo sotto il successivo Papa savonese), e suo nipote, Giuliano Della Rovere (Giulio II), pontefice dal 1503 al 1513 (Papa che arruolò dal 22 gennaio 1506 le Guardie Svizzere Pontificie, infatti sull'elmetto dell'uniforme è riportato il classico simbolo della famiglia).
Nel 1507 Savona viene prescelta per lo storico incontro tra Ferdinando II d´Aragona e Luigi XII di Francia, incontro che prelude alla Lega di Cambrai: l´alleanza per contrastare l´espansione di Venezia.
Troviamo una descrizione della città di Savona, di Francesco Grassetto, cappellano delle galee venete che nel 1512 vennero a Savona, che ci illustra una città che grazie a numerosi interventi edilizi, appare accogliente: <<...la città è deliziosa, ha cinque porte che danno sul mare e quattro sulla terra ed è amena di palagi e di giardini. Li carugi, che cosí chiamano le strade, sono sempre pieni di bellissime donne facete e benigne non solo ai loro concittadini, ma eziando ai forestieri. Esse cantano, ballano e sono molto divote... Quantunque ricche, vanno per la strada senza pedissegne o schiave, modestia che non hanno le genovesi; ed è da notarsi che abbondano le schiave in Savona perchè vi vengono dall'isola di Sio signoriata da quei cittadini.>>; le mure di Savona arrivarono fino ad avere ben 13 porte di accesso.
Nel 1528 viene decretata la fine della fiorente e ricca Savona: il porto viene interrato, la città saccheggiata piú volte e parzialmente distrutta; i genovesi, non paghi, sulla rocca del Priamar distruggono secoli di storia e di civiltà inglobando all'interno della Fortezza il quartiere della Cattedrale, distruggendo gli oratori dei Disciplinati e gli Ospedali delle Corporazioni presenti, mentre la Cattedrale dapprima venne usata come caserma e poi rasa al suolo per far spazio alla Casa Dei Colonnelli: non è possibile sapere con precisione quali e quanti beni artistici furono distrutti o razziati.
Per controllare la città, al posto del forte delle Sperone (in origine detto della Briglia) presso il Monticello costruito nel 1227 (ora praticamente scomparso, ne rimangono pochi resti sopra la galleria di via Famagosta), sul Priamar venne costruita la Fortezza che era ben piú vasta dell'attuale e che, si dice, non avesse i cannoni rivolti verso il mare bensí verso la città: Savona subisce un duro colpo e a stento riesce a risollevarsi, basti pensare che la popolazione nei due secoli successivi si riduce a meno di un terzo.

Savona ottenne il diploma per la battitura di moneta imperiale di ogni tipo dall'Imperatore Ludovico IV di Baviera detto Il Bavaro il 15 luglio 1327 a Milano. Pergamena, Archivio di Stato, Savona.

L'edificio delle zecca non trova traccia evidente sui documenti dell'epoca finora conosciuti, ma secondo alcuni studiosi fu eretto, nel 1348, nelle vicinanze della Torre del Brandale (dimora dell'Abate del Popolo) e del Palazzo degli Anziani, sulla Chiappinata, la principale strada medievale che collegava la predetta Torre, salendo al colle del Priamar, fino all'antica Cattedrale (in effetti nel medioevo le zecche erano spesso ubicate in centro città vicino a palazzi governativi ed alcuni vecchi savonesi, nati all'inizio del 1900, si ricordano che da bambini, negli anni antecedenti la seconda guerra mondiale, giocavano vicino a palazzi ora scomparsi e di cui sono rimaste solo due torri che erano popolarmente chiamati della zecca); il primo contratto posseduto stipulato dal Comune con uno zecchiere risulta datato 23 Marzo 1350 (data a cui si faceva riferimento come inizio dell'attività anche se è ormai quasi certo che l'attività sia iniziata anteriormente in quanto da nuovi rinvenimenti di documenti d'epoca risulta un signoraggio ed il nome di uno zecchiere in una pergamena databile 1347/48 presente all'Archivio di Stato di Savona e risulta un'ingente acquisto di oro nel 1347 da destinare presumibilmente alla battitura di monete; infatti secondo recenti ipotesi l'attività potrebbe essere anticipata fin dal 1317-1320 *vedi articolo su Zecca di Savona ne Il patrimonio artistico di Banca Carige 2010*). L'attività delle zecca proseguí fino al 1528, anno in cui Genova ne decretò la definitiva chiusura. Nonostante la chiusura delle zecca le monete savonesi dovettero continuare a circolare infatti Genova emise nel 1534 un decreto che proibí l'uso delle monete di Savona.

 


Indice

NumismaticaZecche ItalianeLiguriaSavona

Categorie

47 monete per 47 tipi: colpo d'occhio, riepilogo, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Per Zecca

Savona

Per Anno

1300
132713281329133013311332133313341335133613371338133913401341
134213431344134513461347134813491350135113521353135413551356
135713581359136013611362136313641365136613671368136913701371
137213731374137513761377137813791380138113821383138413851386
1387138813891390139113921393139413951396139713981399
1400
140014011402140314041405140614071408140914101411141214131414
141514161417141814191420142114221423142414251426142714281429
143014311432143314341435143814391440144214431444144514461447
144814491450145114521453145414551456145714581461146214631464
146514661499
1500
150015011502150315041505150615071508150915101511151215131515
1516151715181519152015211522152315241525152615271528

Riferimenti

  1. AA.VV. A CURA DI LUCIA TRAVAINI, Le zecche Italiane fino all'Unità, IPZS - 2011
  2. FERRO WALTER, Storia di Savona e delle sue monete dagli albori al 1528, Liguria 2001
  3. GIURIA DOMENICO, Le monete savonesi, 1984
  4. PROMIS DOMENICO, Monete della zecca di Savona, Forni Editore 1864
  5. SCOVAZZI I. E NOBERASCO F., Savona, Tiber - Roma, 1930
  6. TRAVAINI L. - FERRO W., Il patrimonio di banca Carige - Monete, pesi e bilance monetali, 2010
  7. TRAVI E., Breve storia di Savona, Sabatelli editore, 1979

Ultima modifica: domenica 19 marzo 2017 alle ore 18:21, erademo
Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto Amin, mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 16:03
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Collegamenti ->auctionsniper ->cartamonetaitaliana.it ->PayPal ->Rolls Razor

Pagina generata in 1.056 secondi, numero di query al DB: 25 (1036.715031 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it