Warning: only part of the site is available in the selected languageen
User: ricordami
Password:
Register Rules Instructions
  advanced search

Macerata

<< Gubbio Pergola >>
Il 10 febbraio 1797 la città di Macerata viene occupata dalle truppe francesi che impongono una Municipalità Provvisoria. Approvata la richiesta delle autorità locali di riapertura della zecca per la battitura di quattrini e di mezzi baiocchi, il 5 febbraio 1798 viene stipulato il contratto con Pietro Romani, già appaltatore della zecca durante gli ultimi mesi del precedente governo. Il 13 agosto 1798 Macerata confluisce nella Repubblica Romana e diventa capoluogo del Dipartimento del Musone. La zecca probabilmente riapre verso la fine di settembre per chiudere definitivamente il 28 gennaio 1799 a seguito del decreto consolare di chiusura delle zecche.

Il 17 aprile 1799 viene concesso a titolo gratuito, per un mese, al Severi (appaltatore della zecca di Ancona) i locali ed i macchinari della zecca, per consentirgli di dare corso alle coniazioni richieste dalle autorità centrali, in attesa che la zecca di Ancona diventasse operativa. Alla scadenza del mese, non essendo ancora funzionante la zecca di Ancona, il Severi si trasferisce nella zecca di San Severino. In questo periodo il Severi probabilmente ha utilizzato conii approntati da un incisore locale, il Perpenti, riportanti l’iniziale A di Ancona alla sinistra del fascio consolare.

Le monete di sicura attribuzione alla zecca di Macerata sono i quattrini e i mezzi baiocchi emessi, prima della costituzione della Repubblica Romana, dalla "libera Comunità di Macerata", autoproclamatasi indipendente il 12 gennaio 1798 (le leggende parlano appunto di "libertà italiana").

Ancora dibattuta è l'ipotesi che siano state coniate monete da due baiocchi con la A di Ancona (con i conii incisi dal Perpenti) nella zecca di Macerata (e poi in quella di San Severino). Il Bruni ipotizza che questi conii facessero riferimento alla zecca di Ancona (per la lettera A impressa) in quanto era l'unica autorizzata ad operare nel territorio (e quindi le monete potevano essere battute in altre officine attivate momentaneamente in sostituzione e per conto di quella autorizzata).


Index

NumismaticaStati italianiRivoluzione Francese e occupazioni francesi e Napoleoniche1° Repubblica RomanaMacerata

For Coins

5 monete per 3 tipi: glance, summary, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Mints

Macerata

Years

1700
1798

References

  1. AA.VV., Corpus Nummorum Italicorum (CNI) Vol. XIII Marche, 1932
  2. BRUNI R., Aggiornamento dell'opera "Le monete della Repubblica Romana e dei Governi Provvisori", Panorama Numismatico n. 330 - luglio-agosto 2017
  3. BRUNI R., Le monete della Repubblica Romana e dei Governi Provvisori, Nomisma 2005
  4. BRUNI R., BERTUZZI S., CATALLI F., In nome del Popolo Sovrano. Cartamoneta e moneta metallica nella prima Repubblica Romana (1798-1799), Accademia Italiana di Studi Numismatici 2007
  5. LUPPINO D., Prove e Progetti IX - Vento Napoleonico (1796 - 1815), Montenegro 2016
  6. MUNTONI F., Le Monete dei Papi e degli Stati Pontifici, Roma 1972-1974
  7. PAGANI A., Monete Italiane dell'invasione napoleonica ai giorni nostri, Edizioni Ratto

Last modified: Wednesday 5 March at 18:29, legionario
Powered by NumisWeb 7.7.1    Online users in all catalogs:
Ultimo utente iscritto claudios, Monday 13 July at 17:52
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Links ->auctionsniper ->cartamonetaitaliana.it ->PayPal ->Rolls Razor

This page was generated in 0.376 seconds, number of DB queries: 24 (366.920233 ms)
Page from https://numismatica-italiana.lamoneta.it