Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

Siena

<< Santa Fiora Volterra >>

scheda ancora in lavorazione

Siena: veduta della città

Siena: veduta della città
Nel XII sec., dopo un periodo di dominazione vescovile (come in altri comuni toscani, il Vescovo aveva soppiantato la nobiltà e aveva assunto il controllo della città con il favore della decadenza dell'imperatore),Siena divenne Libero Comune. il Vescovo Giovanni era coadiuvato nelle mansioni amministrative dai consoli (rappresentanti della nobiltà scelti da lui stesso) e, solo per le questioni di massima importanza, si decideva di riunire il popolo in quello che veniva chiamato "parlamento" (che si rivelò il punto di partenza per la creazione del libero comune). La svolta si presentò nel 1166, quando l' imperatore Barbarossa scese per cacciare dal trono romano Papa Alessandro III per insediare l' antipapa Pasquale III: il vescovo e altri membri della curia si ribellarono all' autorità imperiale, allora il popolo e la nobiltà si unirono costringendoli all' esilio. Nel 1183, Federico I instituí la carica di Podestà, a Siena venivano eletti generalmente podestà stranieri per presiedere il consiglio dei consoli. In questo clima, nella seconda metà del Millecento, si assiste all' apertura della zecca cittadina; non sono note le circostanze dell' apertura, pare infatti che prima della concessione imperiale, a Siena si battesse già moneta in modo clandestino; l'indizio che ci porta a questa ipotesi viene dall' accordo tra il comune di Siena e l' Arcivescovo di Magonza, il quale, rapito a Montefiascone accettò un accordo con i senesi, il quali si offrivano di pagare il riscatto se lui si fosse impegnato con l' imperatore (di cui era cancelliere) affinchè venisse permessa alla città l' apertura di una zecca; nelle lettere dell' arcivescovo si intuisce la probabilità che nella città di Siena già fosse presente una zecca, e l' importanza che il fatto non fosse reso pubblico (Siena era una città ghibellina, fedele all' imperatore e non poteva abbassarsi all' apertura di una zecca clandestina e all' evasione del fisco). Nonostante il diploma di concessione non sia mai stato rintracciato, ci viene una conferma del fatto che la città lo ricevette nell' episodio in cui, quando Enrico VI assediò Siena nel 1186, tra i vari diritti, tolse anche quello di battere moneta. Presto si assistette alla proclamazione di varie cariche per la gestione della zecca (i signori del bulgano), e piú avanti anche di un "ministro delle finanze" (il camarlengo). La zecca operò a servizio della Repubblica di Siena sino al 1390.

Per un periodo relativamente breve (1390 - 1404), Siena coniò, poi, moneta sotto il simbolo dei visconti (il biscione); questo era dovuto al fatto che, spontaneamente, per ottenere aiuto nella guerra contro Firenze, il popolo senese chiese sostegno a Gian Galeazzo Visconti; in segno dell' alleanza, la Repubblica Senese consegnò di propria volontà le chiavi della città ai rappresentanti di Gian Galeazzo dichiarandosi a lui sottomessa.

Alla morte di Gian Galeazzo Visconti, nel 1404, la Repubblica di Siena si ripristinò. Conseguentemente alla sconfitta Fiorentina portata a termine dalle truppe di Cosimo I e da quelle spagnole di Carlo V, la zecca senese chiuse definitivamente i battenti solo nel 1557,rimanendo in vita (come tutte le altre istituzioni senesi) nel periodo di trattative per la pace che si verificò tra il 1555 ed il 1557.

Tutte le monete coniate dopo il '57 a nome di Siena, sono state battute realmente nella zecca di Firenze.


Indice

NumismaticaZecche ItalianeToscanaSiena

Categorie

19 monete per 16 tipi: colpo d'occhio, riepilogo, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Per Anno

1100
118011811182118311841185118611871188118911901191119211931194
11951196119711981199
1200
120012011202120312041205120612071208120912101211121212131214
121512161217121812191220122112221223122412251226122712281229
123012311232123312341235123612371238123912401241124212431244
124512461247124812491250125112521253125412551256125712581259
126012611262126312641265126612671268126912701271127212731274
127512761277127812791280

Riferimenti

  1. AA.VV. A CURA DI LUCIA TRAVAINI, Le zecche Italiane fino all'Unità, IPZS - 2011

Ultima modifica: giovedì 19 gennaio 2012 alle ore 14:46, magdi
Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto Giuppy1975, venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 10:42
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Collegamenti ->auctionsniper ->cartamonetaitaliana.it ->PayPal ->Rolls Razor

Pagina generata in 0.818 secondi, numero di query al DB: 22 (805.500269 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it