Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
  ricerca avanzata

Zecchino

NumismaticaStati italianiStati preunitariVeneziaLudovico Manin (1789-1797)Oro
<< Doppio zecchino   Mezzo zecchino >>

Zecchino (Moneta)
clicca sulle immagini per ingrandirle
DrittoVerso
LVDOV •MANIN • / SM VENET San Marco, stante a sinistra, porge il vessillo al doge, genuflesso a destra, che lo prende con entrambe le mani; sotto la banderuola DVX SIT •T •XPE •DAT •Q •TV / REGIS •ISTE •DVCA Gesú Cristo, stante di prospetto, con il Vangelo e benedicente, in mandorla cosparsa di stelle, 7 a sinistra, 7 a destra a 1 ad apice (totale 15 stelle).
Riferimenti: Paolucci 14, Montenegro 1981, Gamberini 1926, Papadopoli 3, CNI 74.

La produzione di zecchini a nome di Ludovico Manin probabilmente non cessò con la caduta della Serenissima Repubblica, e Carlo Kunz indica che continuò anzi fino al 1823. Il motivo era l'enorme popolarità di questa moneta nel Levante.1 2 

Nominale: 1 Zecchino
Materiale: Au 1000
Diametro: 20-22 mm
Peso: 3,47-3,51 g
Periodo Cod. Zecca Rarità Immagini
1789-1797 W-LMAU/47-1 VeneziaC
1789-1797 Torchio3  W-LMAU/47-2 VeneziaR5
Falsi/Riproduzioni
1789-1797 W-LMAU/47-F-3--
1 Varietà citate dal Papadopoli:

Nr.4: LVDOV MANIN / S M VENET

Nr.5: LVDOV MANIN / S M VENET

nr.6: LVDOV MANIN / S M VENET

nr.7: LVDOV MANIN / S M VENET

nr.8: LVDO MANIN / S M VENET

nr.9: LVDO MANIN / S M VENET

nr.10:LVDO MANIN / S M VENET

2 Sono citati dal Gamberini di Scarfea zecchini da berretto di questo tipo. Gli zecchini da berretto erano tessere uniface con due fori, coniati direttamente dalla zecca su sottili lamine di rame dorato, allo scopo di applicarli sul berretto rosso usato dai pubblici Comandadori, funzionari addetti alle intimazioni. Sono da considerarsi tessere ufficiali.
3 Sono conosciuti 2 esemplari coniati al torchio, uno presso il Museo Bottacin di Padova e l'altro passato in asta alla fine del 2007. Probabilmente si tratta di una prova effettuata su un torchio di nuova istallazione per monete di piccolo modulo; dovrebbe trattarsi dello stesso macchinario utilizzato per coniare lo zecchino di nuovo tipo, al nome di Francesco II, che il Pagani assegna all’anno 1798. La legenda è LVDOVI•MANIN / S•M•VENET

Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto rufus, mercoledì 22 novembre 2017 alle ore 18:03
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo.
note
Questo catalogo è un'iniziativa del forum laMoneta.it
Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!
Tutti i diritti delle immagini appartengono ai relativi autori e l'utilizzo al di fuori di questo sito web è vietato senza esplicita concessione.

Pagina generata in 0.045 secondi, numero di query al DB: 48 (28.951168 ms)
Pagina proveniente da https://numismatica-italiana.lamoneta.it